Quali sono gli asset immateriali in Venicecommerce?

Il 26 Giugno abbiamo voluto dare risposta a questa domanda iniziando così a conoscere il valore dei nostri asset intangibili.

Lo abbiamo fatto grazie ad una lodevole iniziativa della Camera di Commercio.

 

La Camera di Commercio di Venezia ha organizzato una giornata sulla valorizzazione degli asset immateriali in azienda, composta da un seminario tecnico al mattino e da un check up aziendale su prenotazione il pomeriggio. L’evento era rivolto ad imprese interessate ad effettuare un check -up dei propri asset immateriali aziendali.

 

Noi non potevamo mancare, desiderosi di poter essere tra le aziende che aveano l’opportunità di approfondire la conoscenza del proprio valore anche negli aspetti non materiali.

 

In generale, il progetto mira infatti a completare il modello tradizionale di analisi dell’azienda e delle sue prospettive di crescita con la logica integrata comprensiva della valutazione dell’asset materiale, sulle base di un modello di analisi condiviso con Associazioni di categoria, organismi di garanzia fidi, dottori commercialisti e istituti bancari aderenti al percorso sperimentale tramite focus-group tecnici.

 

Nello specifico, l’evento ha inteso individuare in azienda gli eventuali asset immateriali come ad esempio: know-how, brevetti, copyright, marchi e marche, nomi a dominio, conoscenza codificata, portafoglio clienti, accordi/reti e altro da valorizzare, ad integrazione dei dati di bilancio per una più completa presentazione nel percorso di accesso al credito.

 

Il seminario tecnico per le imprese si è tenuto al mattino in Sala Darsena presso la sede di Marghera della CCIAA di Venezia, in  Banchina Molini 8.

 

Piercarlo Cuccia, dottore Commercialista e consulente di direzione aziendale, esperto in finanza aziendale, valutazione d’aziende, strategie e piani di crescita per le PMI e ricerca finanziamenti, ha effettuato una ampia relazione  su “Un nuovo approccio strategico nell’accesso al credito: valutazione economico finanziaria dell’azienda, integrata dalla giusta valorizzazione dei beni intangibili”, ossia pensare all’accesso al credito in termini strategici, non solo basato sulla contingenza, ma funzionale ad un progetto di sviluppo aziendale nel medio – lungo periodo e a come migliorare le condizioni di credito.

 

Il secondo intervento è stato a cura di Sara Giordani, consulente per l’Innovazione e il trasferimento tecnologico – TTP Lab, Technology Transfer Program & Laboratory, esperto MSE, che illustrerà “Perché e come valorizzare l’immateriale aziendale, la creazione di valore economico dai beni intangibili e le strategie di valutazione economico finanziaria” Si presenterà la griglia valutazione asset immateriali che integra il modello di analisi tradizionale, offendo spunti di auto-analisi per l’imprenditore per valorizzare i beni immateriali già presenti in azienda e cenni sulle agevolazioni del Fondo Nazionale Innovazione – UIBM.

 

Nel pomeriggio abbiamo invece partecipato al “Check up per la valorizzazione d’impresa” per la ricognizione, l’approfondimento e la valorizzazione degli asset immateriali presenti in Venicecommerce.

 

Nelle circa dure ore oggetto dell’audit abbiamo effettuato un primo check up economico finanziario aziendale, integrato con la valorizzazione degli asset immateriali aziendali per conoscerci sempre meglio nel nostro percorso di azienda start-up. Sono emersi spunti molto utili per una maggiore consapevolezza in merito al percorso sinora compiuto e a nuove iniziative di accrescimento del valore aziendale che si possono mettere in campo.

 

Grazie alla Camera di Commercio per averci offerto questa nuova opportunità di conoscenza.

Comments are closed.