Eventi

Corso di Formazione per Operatori in Commercio Estero – Ediz. 2012

Ci siamo iscritti e lo stiamo frequentando!

 

La Camera di Commercio di Venezia ha organizzato, tramite il suo ufficio Promozione Estera, questo interessante corso a cui ci siamo subito iscritti.

 

Il Corso intende fornire alle aziende che vogliono sviluppare o consolidare rapporti commerciali con i mercati esteri una panoramica completa delle principali problematiche del commercio internazionale, oltre ad una serie di suggerimenti e di strumenti operativi.

 

Svolgendo attività di E-commerce non potevamo non cogliere l’occasione per rafforzare ulteriormente le nostre conoscenze sul tema!

 

Ci siamo quindi iscritti per seguire le giornate dedicate ai singoli temi del commercio internazionale: dalle procedure doganali, alla contrattualistica internazionale, la fiscalità negli scambi commerciali, i trasporti, i pagamenti internazionali ed altro ancora.

 

Le prime giornate di formazione si sono già concluse, confermandosi interessanti e ben organizzate.

 

Vi sapremo dire come saranno le prossime!

 

Le date e i temi:

 

22/03/2012 – Giorgio Pellicelli: Come vendere meglio e di più all’estero:il marketing internazionale

29/03/2012 – Michela Orlando: Aspetti di procedure doganali

05/04/2012 – Paolo Filippi: La fiscalità negli scambi internazionali

12/04/2012 – Riccardo Manfrini: Contrattualistica internazionale

19/04/2012 – Maurizio Favaro: Tecnica dei trasporti e termini di resa delle merci

26/04/2012 – Antonio Di Meo: I pagamenti internazionali  

Inaugura a Murano “1861-2011: un’isola, un’arte, un museo”

 

 

Ieri 9 Dicembre ci siamo recati a Murano per l’inaugurazione della Mostra “1861-2011: un’isola, un’arte, un museo” presso il Museo del Vetro (9 Dicembre 2011 /12 Aprile 2012)

 

Ci ha fatto molto piacere essere stati presenti a questa importante iniziativa.

Uno degli aspetti che più amiamo del nostro lavoro è la possibilità che ci viene a volte concessa di poter accedere ad alcuni eventi in anteprima. Grazie infatti alla nostra collaborazione col consorzio Promovetro, siamo stati invitati all’inaugurazione della Mostra ospitata dal Museo del Vetro di Murano.

 

Due date: 1861-2011: curiosamente l’anniversario dell’unità d’Italia coincide con quello del Museo, creato dalla visione lungimirante dell’abate Zanetti.

 

La mostra ripercorre la storia del vetro di Murano attraverso i suoi più grandi rappresentanti, in un viaggio nel tempo che va dal Settecento ai giorni nostri.

 

Abbiamo con piacere constatato come certe forme e stili siano ancora così incredibilmente attuali, come spesso accade anche per le grandi opere del mondo della moda e del design. Un onore è stato anche poter vedere gli storici maestri aggirarsi tra le loro opere (si tratta pur sempre di artisti contemporanei) e partecipare della loro spontanea felicità nel vedere esposte le loro creazioni nel Museo, avendo così la possibilità di essere ricordati attraverso il proprio lavoro.

 

Stupisce come a volte le persone non percepiscano quanta magia il loro quotidiano racchiuda. “Murano e il vetro”, questo indissolubile binomio è destinato a perpetuarsi nei secoli, così come le creazioni di questi incredibili artisti.

Glass Stress 2011 – Ci siamo stati e ci siamo divertiti!

 

 

Oggi abbiamo visitato, all’interno della prestigiosa sede di Palazzo Franchetti, uno degli eventi collaterali della Biennale Internazionale d’Arte, intitolato Glasstress 2011.

 

Visitare la Mostra ha significato per noi in primo luogo restare affascinati dalla location (a Venezia visitare un’esposizione corrisponde sempre alla possibilità di esplorare un palazzo storico) ed immergerci in una sorta di mondo parallelo in cui il classico Vetro di Murano è stato rivisitato e rimpastato con suggestioni provenienti dal mondo del design.

 

Ci siamo fatti sorprendere dalla tartaruga gigante adagiata sulla sabbia, siamo rimasti incantati come bambini di fronte agli specchi magici, dove il riflettersi era come ritrovarsi all’interno del più fantastico dei caleidoscopi.

Abbiamo vibrato con lo specchio brunito, ne abbiamo udito il flebile suono (ascoltare il vetro non è cosa comune) e ci siamo spostati tra le bolle che scendevano delicate dal soffitto. Già, il soffitto….., ammettiamo che siamo anche entrati per osservare da vicino lo splendido lampadario Rezzonico che le sale del palazzo ospitano come il più prezioso dei tesori.

 

La mia preferita? La clessidra che conteneva un mattone al posto della sabbia, la trovo l’orologio più adatto per Venezia, perché qui il tempo sembra non essere passato mai, è come se vivessimo sospesi in uno splendido sogno.

Grazie Glasstress ci rivediamo nel 2012!